John Williams, Stoner, Fazi Editore, Stoner di John Williams, Recensione Stoner, Lettura americana, My po blog, Recensione, IO leggo indipendente, Lettura,
Books,  Consigli libreschi

Stoner di John Williams

Stoner di John Williams edito da Fazi è un capolavoro moderno. L’autore ha lasciato poco: Augustus, Nulla, solo la notte, Butcher’s Crossing. Tutti editi da Fazi Editore.

Stoner di John Williams: trama

William Stoner nasce in una famiglia di contadini e per volere del padre andrà a studiare all’università di Agraria del Missuri. Siamo nel 1910, all’alba della Prima Guerra Mondiale.
Affascinato da un sonetto di Shakespeare cambia indirizzo di studi e da qui inizia la sua più grande e importante amante e unica certezza della sua vita: la letteratura.
Diventerà insegnate nella sua stessa Università, si sposerà, avrà una figlia e un’amante.

Vivrà una vita mediocre a causa del suo inesistente spirito di competizione sia nel lavoro che negli affetti: ostacolato da un collega a cui non andrà giù il suo essere professionale e appassionato al suo lavoro e odiato dalla moglie prima, dalla figlia poi unica gioia oltre all’amante saranno le sue letture.

Stoner di John Williams: recensione

Partiamo dal fatto che per apprezzarlo ho dovuto prima leggere le prime cinquanta pagine.
Ha un ritmo lento, quasi fosse fermo.
È la storia della crescita di un uomo che solo al tramonto della sua vita ha la forza di opporsi a quelle forze che lo avevano oppresso fino a quel momento.

Questo romanzo è l’anti-favola per eccellenza: non vi è un lieto fine, l’eroe non combatte per la sua felicità, anzi.

Potrebbe essere il racconto di una persona qualunque ed è questo che cattura il lettore: ci si aspetta il grande colpo di scena, il momento di svolta che non arriva.

Il romanzo è coinvolgente in modo assoluto e diverso: come già detto è una storia comune, senza grandi colpi di scena o grande suspance. Colpisce però la normalità del racconto. Stoner è l’eroe della normalità. Vive la sua vita in modo quasi apatico illuminandosi solo per il lavoro prima, per la figlia fino a quando potrà e per la sua amante in fine.
Non ha grandi ambizioni, forse perché viene da una vita semplice basata sulla sussistenza e sul lavoro della terra.

Sullo sfondo dell’intera trama abbiamo comunque due guerre mondiali e il crollo della borsa di Wall Street che hanno sconvolto il mondo e in un modo o in un altro tutti i personaggi ne vengono a contatto e subiscono dei cambiamenti.

Stoner di John Williams: pubblico e commento

Lo consiglio a chi vuole una storia umana, una sorta di biografia della realtà.

Mi è piaciuto come romanzo, ma visto il gran parlare che se ne è fatto intorno mi aspettavo qualcosa di totalmente diverso.

L’ho comunque apprezzato e divorato in poco tempo perché la traduzione è veramente veramente scorrevole, a differenza di altri libri tradotti nella nostra lingua che hanno qualche costruzione strana l’ho trovato superiori alla media. Complimenti.

Come sempre vi lascio qui sotto i link di affiliazione con cui potete supportarmi. Vi ricordo che per ogni acquisto generato da questi link io percepisco una piccola percentuale. In questo modo mi aiutate a portare costantemente qualità sul blog.

Per tutte le novità e le letture in corso ricordatevi di seguirmi sui miei profili social Instagram, su Facebook, su Twitter e su YouTube.

Non mi resta che augurarvi una buona lettura

Tra carboidrati, maschere idranti e letture le mie avventure avvengono. Un po' ve le racconto qui insieme a dosi massicce di caffè! Divoratrice di libri, dipendente da serie tv e film. Petulante agonistica e polemica per necessità.

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *