Books,  Consigli libreschi

“Matrigna” di Teresa Ciabatti

Matrigna è il nuovo romanzo di Teresa Ciabatti edito da Solferino. Racconta i segreti che si trovano aprendo le porte: le naturali preferenze tra figli, le fragilità. 

I segreti, le omissioni e l’azzurro conducono il lettore nella vita di Noemi: la sopravvissuta, la ragazza che è scappata dal paesino in collina ma che il passato riporta al suo posto.

Se ieri vi parlavo di una famiglia in cui si lotta per la propria felicità, Dis-Ordinary Family, oggi vi parlo di una famiglia in cui si lotta per la propria sopravvivenza e per cercare di tenere i propri segreti al sicuro.

Trama

La storia di una famiglia sconvolta dalla sparizione del piccolo Andrea. Noemi ha nove anni quando si ritrova catapultata sotto i riflettori della cronaca nera. Ne ha diciannove quando abbandona la vita di provincia e i suoi genitori per cercare di dimenticare e di trovare la sua dimensione.

Studia, incontra Davide e si costruisce una vita che può plasmare come lei preferisce. Fino a quando il passato pretende che lei torni nel suo paesino, che faccia i conti con i suoi ricordi confusi e con una madre fragile che fragile non è più grazie a Luca, giovanissimo e misterioso.  

Noemi sarà costretta a fare i conti con le sue bugie e ad ammettere ciò che non avrebbe mai voluto. 

Stile e personaggi

È Noemi la narratrice e di attendibile non ha molto: ricordi confusi e la convinzione di essere sola perchè tutti destinati ad abbandonarla. Matrigna è un romanzo che si legge in apnea. Si ha un disperato bisogno di arrivare all’ultima pagina per capire i meccanismi della mente di Noemi che Teresa Ciabatti mette nero su bianco. L’autrice ha creato dei personaggi esasperati da loro stessi. Il lettore non riesce a entrare in empatia con nessuno se non con l’assente Andrea, vittima e artefice di una famiglia rinchiusa tra i pensieri di Noemi. 

Uno stile di scrittura travolgente che permette al lettore di estraniarsi dal resto del mondo e leggere per pochissime ore un libro che credo fortemente sia uno dei migliori pubblicati nel 2018.

Teresa Ciabatti in Matrigna mostra un rapporto madre e figlia complicato. Ne esplora le dinamiche con occhi lucidi e senza timore di affrontare nessun argomento, non esistono tabù in questo romanzo. Non esiste l’ipocrisia delle famiglie perfette in cui i genitori amano tutti i figli allo stesso modo.

Conclusione

Un romanzo per chi si appassiona alla cronaca nera senza sfociare nell’ossessione macabra, per chi crede che ogni mistero abbia la sua soluzione. 

Vi lascio come sempre i link d’affiliazione per l’acquisto e vi ricordo che lo potete trovare in tutte le librerie.