Intervista My Po Blog
Un caffè con...

Intervista a Valeria Ancione e Patrizia Panico

Tra gli incontri più emozionanti del Salone del Libro di Torino di questo anno c’è stato quello conValeria Ancione e con Patrizia Panico grazie a Mondadori Ragazzi.

Scopriamo insieme all’autrice il romanzo Volevo essere Maradona che racconta proprio la storia di Patrizia Panico da domani in libreria.

Volevo essere Maradona
Mondadori
Mondadori Ragazzi
Valeria Ancione
Patrizia Panico
Intervista
Novità
Salone del Libro
Valeria Ancione e Patrizia Panico all’incontro con i blogger al Salone del Libro 2019
Ph: @paola-calefato

Valeria quale è stata la principale difficoltà di vestire i panni di Patrizia?

Io volevo giovare a Basket e avevo lo stesso numero di maglia di patrizia, il 9. Per certi versi ci assomigliamo: siamo due leader, una che tutti ascoltano, fa squadra. Poi il regalo più grande che mi ha fatto è stato quello di farmi vivere il mio sogno.

Patrizia come ti sei sentita nel rileggere il romanzo?

Mi ha emozionato: Valeria è riuscita a dare parole a sensazioni che pensavo di aver perso, i ricordi che riaffioravano e a cui io non riuscivo a dare una parola precisa. Valeria ci è riuscita.

Patrizia hai costruito il tuo sogno da sola come è stato metterti a nudo per il romanzo?

No, non ho costruito tutto da sola. Mi sono sempre fatta forza e ho preso energia da chi mi circondava. Anche dalle situazioni più ostili mi veniva naturale tirare fuori quell’energia, quel positivo che mi serviva per andare avanti. Sul libro il merito è di Valeria! Un giorno le scrivevo un messaggio magari collegato a quello che le avevo raccontato dieci giorni prima.

Valeria puoi definire il percorso che ti ha portato a concludere il romanzo?

È stato un puzzle: Patrizia mi ha dato i pezzi e io li ho messi in ordine per ridare un’immagine, una fotografia di quella che è stato il suo percorso.

Questo è un romanzo che parla di sogni, secondo voi quanto è importante per i più piccoli, in particolare per le ragazze, continuare a credere nei sogni.

Non è soltanto avere un sogno, io sono dell’idea che bisogna avere dei sogni ma soprattutto bisogna avere la forza di sacrificarsi per essi in modo costante nonostante le grandi difficoltà. Oggi i ragazzi spesso hanno i sogni ma non riescono a sacrificarsi. (Patrizia)

Il sogno di Patrizia era un sogno difficile in un momento in cui non c’era nemmeno il calcio femminile: io ho tre figli adolescenti e hanno dei sogni nascosti, come se si vergognassero a farlo. I sogni sono come la pelle: si ricuciono, si riadattano. I sogni prima o poi vengono fuori, specie se si ha a che fare con un talento. (Valeria)

Volevo essere Maradona
Valeria Ancione
Patrizia Panico
Mondadori Ragazzi
Intervista
Salone del Libro
Da domani in tutte le librerie
ph: @paola-calefato

Da domani in tutte le librerie Volevo essere Maradona: un’opera che conferma che i sogni per essere realtà hanno bisogno di energie e di crederci. Davvero.

Ve ne parlerò prestissimo intanto vi consiglio di recuperare qui le ultime interviste!

Tra carboidrati, maschere idranti e letture le mie avventure avvengono. Un po' ve le racconto qui insieme a dosi massicce di caffè! Divoratrice di libri, dipendente da serie tv e film. Petulante agonistica e polemica per necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *