In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo di Malusa Kasgran, Malusa Kasgran, Recensione, My Po blog, In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo, book a book, recensione, Milano, puglia, leggo, io leggo, i consigli di po
Books,  Consigli libreschi

In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo di Malusa Kosgran

In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo di Malusa Kosgran edito da Book a Book è la storia di una famiglia, di Antonio, il protagonista, e di una parte di Italia che troppo spesso dimentichiamo.

Ringrazio la casa editrice per il gentile omaggio. Vi ricordo in oltre che Malusa Kosgran è stata ospite di una delle mie chiacchiere davanti a un caffè, trovate qui il link diretto per leggere qualche curiosità sul romanzo.

In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo di Malusa Kosgran: l’autrice

Nata a Milano. Classe 1974. Ha un anno quando i suoi decidono di trasferirsi a Bisceglie, in Puglia. A diciotto torna a Milano per frequentare la scuola di fumetto di via Savona e poi l’Accademia Disney. Dai venti ai trent’anni pubblica un centinaio di sceneggiature di fumetti; infine approda alla narrativa. Da anni collabora con diverse case editrici, magazine e agenzie; pubblica romanzi, racconti e albi che scrive e illustra. Nel 2013 ritorna a vivere in Puglia, e si divide fra Bisceglie e Mattinata. In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo è il suo terzo romanzo.

In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo di Malusa Kasgran, Malusa Kasgran, Recensione, My Po blog, In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo, book a book, recensione, Milano, puglia, leggo, io leggo, i consigli di po

In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo di Malusa Kosgran: la trama

Smemorato, perduto, morto o in fuga? Nessuno sa cosa sia successo ad Antonio Di Pinto, agricoltore biscegliese ultrasessantenne scomparso all’improvviso.
Mentre le indagini ufficiali procedono a rilento, la famiglia si raccoglie in un’attesa composta, ma disperata.
Per scoprire che fine ha fatto l’uomo che moglie, figlie, sorelle, nipoti e operai credono di conoscere è necessario riportare le lancette dell’orologio a molti anni prima. Nella Milano degli anni Sessanta, Antonio è Antonino, un piccolo uomo di appena dieci anni mandato a guadagnarsi il pane nel capoluogo lombardo. Tra le luci della città, la fatica del lavoro e il freddo pungente gli fanno compagnia i sogni di gloria. Uno su tutti: diventare un grande campione di ciclismo come Fausto Coppi.
In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo è ispirato a più storie vere.

In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo di Malusa Kosgran: la recensione

Il terzo romanzo di Malusa Kosgran è ispirato a storie vere. Quelle storie che a casa mia si sono spesso rincorse: nipote di nonni pugliesi mi è sempre stato fatto capire che le difficoltà che hanno dovuto superare sono state tante, a volte prive di fondamento ma figlie della mentalità dell’epoca.

La storia si apre con la scomparsa di Antonio o Antonino. Tra passato e presente riviviamo il trasferimento al nord, la passione per la bici, il bisogno di conoscere una città così grande. Se nel presente i famigliari di Antonio sono preoccupatissimi per la scomparsa dell’anziano nel passato vediamo lo stupore, il duro lavoro per rendere le proprie vite migliori.

Sapete benissimo che amo le storie con un tempo lineare, poco sopporto i parallelismi perchè mi perdo. Ho trovato però che in questo romanzo di prestasse bene l’idea di contrapporre costantemente la vita “agiata” del presente con i sacrifici fatti per arrivarci.

La prosa di In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo di Malusa Kosgran è elegante: una mescolanza tra la Milano bene e il dialetto degli immigrati dell’epoca si amalgamano dando vita a uno stile unico, ricercato ma allo stesso tempo vero, vicino alla storia che si sta raccontando.

Sul finale? Che dire, degna conclusione di un romanzo che prepara emotivamente a quello che sarà: la prosa, la trama, l’intreccio arrivano al loro punto massimo portando il lettore a non riuscire a staccarsi.

Una storia che ho sentito mia dalla prima all’ultima parola, che intreccia, diverte, riflette quella che è stata la nostra società in cui il diverso, chi veniva da fuori si trovava a lottare per una vita migliore contro la paura di chi avrebbe voluto solo lo status quo.

Emozionante ripercorrere la mia Milano con gli occhi di Antonio che potrebbe davvero essere uno dei miei nonni, che potrebbe davvero sedersi qui accanto a me e raccontarmi di quanto sia importante vivere mentre si costruisce il proprio futuro.

In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo di Malusa Kosgran: il pubblico

Consigliato a me, a voi e a coloro che non capiscono la bellezza che crea la mescolanza di culture e usanze diverse.

Se vi è piaciuta questa recensione vi consiglio di dare un’occhiata anche a Migrante per sempre.

Come sempre vi lascio qui sotto i link di affiliazione con cui potete supportarmi: vi ricordo che per ogni acquisto generato da questi link io percepisco una piccola percentuale.

Per tutte le novità e le letture in corso ricordatevi di seguirmi sui miei profili social Instagram, su Facebook, su Twitter e su YouTube.

Non mi resta che augurarvi una buona lettura

Tra carboidrati, maschere idranti e letture le mie avventure avvengono. Un po' ve le racconto qui insieme a dosi massicce di caffè! Divoratrice di libri, dipendente da serie tv e film. Petulante agonistica e polemica per necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *