Mindhunter, mindhunter Netflix, Nuove serie tv, novità, serie tv, my po blog, dal libro al film, colori, recensione, Netflix,
Colori,  Film,  LifeStyle,  Pellicole,  Serie TV

Mindhunter

Il 16 agosto Netflix ha messo online Mindhunter: sono tornati i primi cacciatori di serial killer! Sarà stata all’altezza della prima stagione?

Mindhunter: il cast e la produzione

La serie s’ispira a fatti realmente accaduti e nel cast ritroviamo Jonathan Groff, Holt McCallany, Anna Torv, Joe Tuttle, Albert Jones, Stacey Roca, Michael Cerveris, Lauren Glazier e Sierra McClain.

La serie è diretta da David Fincher (L’amore bugiardo – Gone Girl, Zodiac), Andrew Dominik (Cogan – Killing Them Softly, L’assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford) e Carl Franklin (The Leftovers – Svaniti nel nulla, House of Cards).

David Fincher, Joshua Donen (L’amore bugiardo – Gone Girl, Pronti a morire), Charlize Theron (Girlboss, Hatfields & McCoys) e Cean Chaffin (L’amore bugiardo – Gone Girl, Fight Club) sono i produttori esecutivi assieme a Courtenay Miles e Beth Kono.

Mindhunter, mindhunter Netflix, Nuove serie tv, novità, serie tv, my po blog, dal libro al film, colori, recensione, Netflix,
Mindhunter, mindhunter Netflix, Nuove serie tv, novità, serie tv, my po blog, dal libro al film, colori, recensione, Netflix,

Mindhunter: il commento

Gli agenti dell’FBI Holden Ford e Bill Tench continuano ad analizzare la psiche degli autori di gesti inconcepibili usando, con l’aiuto della psicologa Wendy Carr, la loro innovativa analisi comportamentale nella caccia a famigerati serial killer.

I primi due episodi sono lenti e riprendono esattamente dal punto in cui si è conclusa la prima stagione. Superato questo “ostacolo” la visione diventa avvincente, emozionante e a tratti raccapricciante per tutto quello che viene raccontato. La serie è basata sul libro Mindhunter: La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano scritto da Mark Olshaker e John E. Douglas edito in Italia da Longanesi.

La prima stagione è stata di ricerca, capire e mettere insieme i pezzi. Questa volta la task force dell’FBI si trova sul campo per cercare di porre fine alla scia di sangue che terrorizza Atlanta.

I colori della serie riportano alla mente quelli dei film degli anni ’80. Una fotografia bellissima che non regala dettagli scabrosi e forti ponendo l’attenzione sul metodo degli agenti. In questa seconda stagione si passa dalla teoria alla pratica. Gli agenti provano ad anticipare le mosse del SI (soggetto ignoto) e a sfruttare quello che hanno capito sui serial killer.

Siamo tutti affascinati dalle serie tv crime che ogni anno accompagnano i palinsesti televisivi: da Law and Order passando per Criminal minds. È ancora più affascinante, secondo me, vedere come dalla ricerca psicologica si è arrivati a stilare veri e propri profili che possono anticipare e porre fine a delle stragi insensate.

Assolutamente promossa! In attesa della terza stagione che viene un pochino anticipata durante tutta la seconda vi consiglio di recuperare, sempre su Netflix, Manhunt: Unabomber: miniserie dedicata alle indagini e al processo che hanno portato all’arresto di Unabomber da parte dell’FBI.

 Vi ricordo che per tutte le novità e le letture in corso ricordatevi di seguirmi sui miei profili social Instagram, su Facebook, su Twitter e su YouTube.

Ricordatevi anche che nella home del blog potete iscrivervi alla newsletters in partenza da ottobre!

Non mi resta che augurarvi una buona lettura

Tra carboidrati, maschere idranti e letture le mie avventure avvengono. Un po' ve le racconto qui insieme a dosi massicce di caffè! Divoratrice di libri, dipendente da serie tv e film. Petulante agonistica e polemica per necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *