La vita bugiarda degli adulti di Elena Ferrante, Elena Ferrante, L'amica Geniale, Ferrante, Edizioni e/o, Lettura, Recensione La vita bugiarda degli adulti, Frantumanza, FerranteFever, Leggere, Recensione, My po blog,
Books,  Pillole di riflessione

La vita bugiarda degli adulti di Elena Ferrante

La vita bugiarda degli adulti di Elena Ferrante edito da Edizioni E/O è in libreria. Elena Ferrante torna a indagare l’animo umano, gli abissi più oscuri e come è possibile recensire un’autrice del genere?

Non credo si possa, credo invece che si debba riflettere sull’evoluzione di un’autrice che è riuscita ad ammaliarci anche grazie alla sua totale assenza.

Sempre di Edizioni E/O vi ho recentemente parlato de Il patto dei Labrador a cui darei un’occhiata fossi in voi!

La vita bugiarda degli adulti di Elena Ferrante: trama

Il bel viso della bambina Giovanna si è trasformato, sta diventando quello di una brutta malvagia adolescente. Ma le cose stanno proprio così? E in quale specchio bisogna guardare per ritrovarsi e salvarsi? La ricerca di un nuovo volto, dopo quello felice dell’infanzia, oscilla tra due Napoli consanguinee che però si temono e si detestano: la Napoli di sopra, che s’è attribuita una maschera fine, e quella di sotto, che si finge smodata, triviale. Giovanna oscilla tra alto e basso, ora precipitando ora inerpicandosi, disorientata dal fatto che, su o giù, la città pare senza risposta e senza scampo.

La vita bugiarda degli adulti di Elena Ferrante: la riflessione

Chi non ha amato la saga de L’amica geniale? Chi non vede l’ora di riabbracciare Elena e Lenù? Ecco in questo nuovo romanzo non c’è nulla di quello che Elena Ferrante ha voluto regalarci nella tetralogia.

La protagonista è Giovanna o Giannina, un’adolescente che si ritrova per la prima volta davanti alle bugie, alle omissioni, alle mezze verità che i suoi genitori le hanno raccontato per una vita intera.

Una Napoli diversa quella che ci presenta qui l’autrice, una ragazza diversa. È la storia di una famiglia rovinata dall’invidia, dai segreti, dai soldi. Vite che arrivano allo stomaco e stanno lì per tutta la lettura.

Ogni parola è ben calibrata, ponderata. Anche quelle di Zia Vittoria che, nonostante la volgarità, la rabbia e l’invidia che cova dentro, è l’unico personaggio a non negare a Giannina la verità. Cresciuta in una bolla di menzogne e silenzi Gianna va a cercarla quella verità. La trova e non la sazia diventanto quello che l’ha sempre spaventata. 

Sarà proprio zia Vittoria a dare il via al crollo dell’apparenza di cui sarà, suo malgrado artefice e vittima.

Giannina scoprirà ben presto che gli adulti sono bugiardi, falsi soprattutto con se stessi. Si impongono maschere di ferro per non mostrare l’ipocrisia che li caratterizza.

Ecco che lo stile della Ferrante torna prepotente, scende in un vortice di famiglie distrutte, di avidità, di bugie, tradimenti e Vita. Arriva tutto addosso al lettore ed ecco che io mi sono sentita addosso quelle emozioni, avevo bisogno di chiudere il libro ma non riuscivo. Ero intrappolata in quei rioni pronta a cadere giù.

Il pubblico

Come sempre vi lascio qui sotto i link di affiliazione con cui potete supportarmi: vi ricordo che per ogni acquisto generato da questi link io percepisco una piccola percentuale e a voi non costa assolutamente niente.
Per tutte le novità e le letture in corso ricordatevi di seguirmi sui miei profili social Instagram, su Facebook, su Twitter e su YouTube.

Tra carboidrati, maschere idranti e letture le mie avventure avvengono. Un po' ve le racconto qui insieme a dosi massicce di caffè! Divoratrice di libri, dipendente da serie tv e film. Petulante agonistica e polemica per necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *