L'ora del destino di Victoria Shorr, Victoria Shorr, SEM, società editrice milanese, Lettura, io leggo, mypoblog, Recensione L'ora del destino, Recensione, leggere, Jane Austen, Giovanna D'arco, Mary Shelley,
Books,  Consigli libreschi

L’ora del destino di Victoria Shorr

L’ora del destino di Victoria Shorr edito da SEM, Società Editrice Milanese, è un romanzo che racconta tre storie, tre donne e la capacità di fare del dolore una forza e la fedeltà alle cause che si sposano.

Ringrazio la casa editrice per il gentile omaggio.

L’ora del destino di Victoria Shorr: l’autrice

Victoria Shorr, autrice americana, è nota soprattutto per il suo primo romanzo, Backlands, che è stato nominato tra i primi dieci romanzi del 2015 da Booklist. L’ora del destino, oltre ad essere un inno alle donne e alla loro tenacia, è un romanzo vibrante e appassionato, arricchito dall’esperta penna della Shorr.

L’ora del destino di Victoria Shorr: la trama

La vita di queste tre figure è stata segnata dalla ribellione: contro le convenzioni sociali, contro l’oppressione, contro i pregiudizi. Il coraggio che ha permeato le loro azioni è ancora oggi fonte d’ispirazione per tutte le donne del mondo, impegnate, ora più che mai, a difendere il loro libero arbitrio. Jane Austen ha rifiutato la sicurezza economica di un matrimonio per la sua libertà, Mary Godwin ha sfidato le convenzioni sociali con la sua vita ritenuta all’epoca scandalosa, Giovanna D’Arco ha dovuto decidere tra l’abiura e la morte.

L’ora del destino di Victoria Shorr: recensione

Ho richiesto io questo romanzo quando ho letto Jane Austen. Chi mi segue sa quanto adori e ami l’ironia e la satira di questa donna ma Victoria Shorr l’ha raccontata nelle sue fragilità. Tutte le protagoniste, simboli di rivoluzione, prime icone femministe in un’epoca fortemente patriarcale, sono ritratte a mezzanotte. L’attimo del giorno che le pone davanti ad uno specchio metaforico che tira fuori il loro lato fragile.

Di Jane Austen sottolinea un momento di cedimento, di smarrimento che l’avrebbe portata a rinunciare ai suoi progetti. Mary Shelley è caratterizzata dalla devozione verso il marito e la consapevolezza e la forza di stargli accanto nonostante le continue critiche. Giovanna D’Arco è la donna che libera il suo popolo votando la sua vita a Dio senza mai rinnegarlo.

Tre figure che sono state rivalutate e hanno ricevuto i giusti riconoscimenti solo con la morte. Victoria Shorr con una prosa sensibile, piena di grazia è riuscita ad andare in fondo alla loro anima dimostrando che la forza delle donne nasce anche dalle loro fragilità. Sono tre Donne che dimostrano come sia importante avere un obiettivo da seguire per sentirsi appagate oltre le critiche del tempo.

Il pubblico

Vi consiglio di andare a dare un’occhiata a Ragioni per vivere.

Come sempre vi lascio qui sotto i link di affiliazione con cui potete supportarmi: vi ricordo che per ogni acquisto generato da questi link io percepisco una piccola percentuale e a voi non costa assolutamente niente.

Io vi ricordo che per tutte le novità e le letture in corso ricordatevi di seguirmi sui miei profili social Instagram, su Facebook, su Twitter e su YouTube.

Ricordatevi anche che nella home del blog potete iscrivervi alla newsletter!

Non mi resta che augurarvi una buona lettura

Tra carboidrati, maschere idranti e letture le mie avventure avvengono. Un po' ve le racconto qui insieme a dosi massicce di caffè! Divoratrice di libri, dipendente da serie tv e film. Petulante agonistica e polemica per necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *