MyPo's Word Nevermore without

Barcellona…Arrivo!

Buongiorno a tutti belli e brutti!
Eccomi qua con un’edizione straordinaria di Nevermore Without!
Tra un paio di giorni andrò, con la mia migliore amica, a Barcellona ho così pensato di illustrarvi i prodotti o oggetti senza i quali non parto mai! Buona lettura!
La prima cosa che metto in valigia è un buon libro. Nelle attese in aeroporto, durante il viaggio e un po’ per senso di protezione (tipo la copertina da bambini o il lenzuolo in piena estate) il libro serve sempre. Per questo viaggio ho scelto Fuoco Fatuo di Alberto Buchi e spero di parlarvene non appena tornerò perché al momento mi sta piacendo. Tanto.
Poi penso al beauty, premetto che parto col bagaglio a mano quindi sarò schiava del limite dei liquidi (sì lo ha ideato un uomo, o qualcuno che non usa creme e fondotinta!). I campioncini mi salvano e mi permettono di provare qualcosa di diverso. Poi esistono le travel size: ho acquistato da Sephora Better Than Sex di Too Faced. Poi non può mancare un buon primer opacizzante e quindi via con The Pore(fessional) di Benefit. 

Un rossetto nude come per mia abitudine, un burrocacao, blush in polvere, e un ombretto scuro da usare semplicemente vicino all’attaccatura delle ciglia.
Poi non può mancare una felpa (perché io ho costantemente freddo!), delle salviette igienizzanti, fazzoletti e qualche caramella.
Poi altro punto fermo per me è il Moleskine: lo uso da quando ho iniziato a scrivere e lo porto sempre con me per segnarmi gli articoli del blog, qualche frase di libri che leggo, piccoli racconti o semplicemente i miei pensieri. È il diario di bordo della mia vita e quindi viene sempre con me!
Direi che questi sono i prodotti e gli oggetti senza i quali non vado da nessuna parte!
Voi? Quali sono i vostri prodotti?
Fatemi sapere!!!
A presto 🙂
 

Books MyPo's Word Nevermore without

Nevermore Without

Dall’inizio dell’anno ho deciso che ogni mese avrei sperimentato qualcosa di nuovo dai libri ai  cosmetici al cibo e chi più ne ha più metta.

Quindi ecco a voi i Mai Più Senza di Febbraio!

16797156_988127327989483_2162803752408807521_o

Febbraio è stato caratterizzato dalla scoperta di un brand di una milanese DOC non che mia carissima amica Bibi con Le borse di Elisa: con le sue linee mi ha completamente conquistata. Per ora ho acquistato Parigi ha la chiave del cuor (foto a sinistra, disponibile in 3 dimensioni), splendida e versatile sia per il giorno che per la sera inoltre è completamente priva di materiali animali, 100% Made in Italy e tutto ciò mi ha, non solo incuriosita, ma anche dato un motivo in più per aggiungerla al mio armadio con grandissima soddisfazione!

Passate a dare un’occhiata al suo sito www.leborsedielisa.it! Ve ne innamorerete anche voi ne sono sicura! Io penso che presto acquisterò anche la shoppingbag, non posso non averla!!!!

Altra scoperta di questo mese per la cura dei miei capelli è stata la maschera di Lush Belli Capelli. Ho iniziato ad apprezzare questo genere di prodotti da poco, ma conto di iniziare a provare un pobellicapelli’ tutto perché sono prodotti semplici, naturali e con un rapporto qualità-prezzo davvero eccezionale.

Questa maschera sui miei capelli tinti e che vedono molto spesso la piastra ha fatto miracoli: non ho più quella sensazione di crespo e le doppie punte sono solo un lontano e brutto ricordo.

Anche i dentifrici solidi mi hanno conquistata e soprattutto sono fantastici per chi viaggia!

Nella mia borsa poi non può più mancare il soft matte lip cream di NYX. Io ho scelto la tonalità Cannes che per tutti i giorni è fantastica: rimane sui toni del nude, si abbina a qualsiasi trucco naturale e ha una discreta tenuta che viene migliorata semplicemente con l’utilizzo di una matita per le labbra. Sono disponibili ventidue tonalità che  passano dai colori più neutri  quelli più decisi e forti. Sempre di NYX testerò presto il nuovo fondotinta Total Control di cui vi farò sapere.

Rullo di tamburi per il libro del mese….

L’arte di essere fragili di Alessandro d’Avenia.fullsizerender-3

Questo autore mi ha accompagnata con i suoi romanzi durante tutto il liceo.

Voi direte che questa dunque non è una vera e propria scoperta, in realtà è stato scoprire di ritrovarsi in autore anche col passare del tempo, con il crescere e i cambiamenti di vita e di carattere che ognuno di noi vive inevitabilmente che mi ha piacevolmente sorpresa.

Questo libro è scritto sotto forma epistolare e parla di e con gli adolescenti o con chi, semplicemente, non si sente ancora grande e maturo come gli anni che ha.

Partendo da Leopardi, uno dei più grandi poeti della nostra storia letteraria, d’Avenia ripercorre le grandi domande e le profonde crisi che ha vissuto e vive. Sono quelle che ognuno di noi ha ed è veramente disarmante vedere come le nostre paure più recondite e nascoste, quelle a cui pensiamo solo la notte sotto le coperte quando nessuno ci vede piangere sono quelle del nostro compagno di università, dei nostri genitori e che rimangono con noi sempre. È un inno all’essere consapevoli delle proprie fragilità senza però perderci o frenarci, ma arricchendoci e migliorandoci giorno per giorno rendendo la nostra vita un’opera d’arte senza uguali.

Assolutamente consigliato!