casi umani da quarantena, divertirsi, ironia, uomini, ex, guide,

Casi umani da quarantena

Se c’è una cosa che la quarantena non è fermato sono i casi umani. Anzi, sembrerebbe che nel mondo virtuale, dietro i loro smartphone chiusi nelle loro camerette siano diventati anche più fastidiosi. Ma vediamo insieme le tre macrocategorie in cui io li ho divisi.

Casi umani da quarantena: l’ex dell’amica

Una categoria che vi giuro mi ha fatto morire dal ridere: l’ex dell’amica. È quel ragazzo che stava con una vostra ex cara amica che vi contatta dal niente e…vi chiede perchè avesse scelto lei e non voi. Quella domanda vi lascerà in uno stato di spaesamento e vi chiederete “Ma me lo sta chiedendo veramente?”. Io ho optato per un silenzio che parla da sè…dovrebbe essere tornato da dove è venuto.

Casi umani da quarantena: l’ex

Eh no cari, qui stiamo parlando degli ex di tutte perchè in un modo o in un altro un ex vi ha contattata: chi per uscire, chi per sapere come stavate e chi per tornare nella vostra vita cercando di farvi credere che vi mancava. No ragazze. Ex resta ex, sempre e comunque. Vi ricordate? Ve ne avevo parlato qui e resto convinta di una cosa: se non state più insieme è perchè è giusto così e non sarà una pandemia mondiale a cambiare le cose, mi spiace.

Le rivincite

La quarantena ha portato inevitabilmente le persone a rivalutare qualche scelta qua e là e tra queste scelte chissà perchè c’ero anche io. Così persone di un passato lontano che mi hanno messa nella friendzone e che io ho abilmente superato sparendo dalle loro vite sono fatti vivi. Ecco lì sono sincera ho provato orgoglio. Orgoglio perchè spesso in quelle situazioni mi sono sentita io quella sbagliata e invece no. Invece ha ragione notta: tutti tornano quando si rendono conto di essere deficienti. Io cosa ho fatto? Niente. Non sono tornata lì, non sono stata al gioco. Perché? Perché non sono più quella persona e non mi va di essere una scelta da rivalutare.

…Casi umani da quarantena social

Questo è un mondo a parte..Un mondo costellato da morti di fame (per non essere volgare) e in cui se mettevi una story con un po’ di scollatura ti riempivi i Direct di cretini. Figure mitologiche che racchiuderei con un termine tecnico “Cazzari”. Sono tantissimi, uno peggio dell’altro e soprattutto tutti con una sola cosa in mente…e se siete qui ci siamo capiti. Loro spariranno con la fine della pandemia? No. Saranno lì, vigili, pronti ad attaccare non appena la nostra fiducia nel genere umano potrebbe tornare a dei livelli di positività.

Per tutte le novità e le letture in corso vi basta seguirmi sui miei profili social Instagram, su Facebook, su Twitter e su Twitch.

Social Media Manager e Copywriter. Credo nel potere della skincare, dei libri, dei carboidrati e della musica.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: