La corte editore, Romanzo, thriller, liberi libri, recensione, my po blog, William Conrad, Lettura, "Le sorelle Donguri" di Banana Yoshimoto, Feltrinelli, L'educazione di Tara Westover,

“Le sorelle Donguri” di Banana Yoshimoto

Nel suo ultimo romanzo breve Banana Yoshimoto, Le sorelle Donguri edito da Feltrinelli, racconta la solitudine condivisa e che diventa fonte di aiuto per gli altri.

Vi avevo già parlato di Kitchen. Banana Yoshimoto a mio avviso è una di quelle autrici che va a toccare argomenti come solitudine, identità e morte con una leggerezza tale che risultano essere quasi dei giochi.

“Le sorelle Donguri” di Banana Yoshimoto: trama

Rimaste orfane, Guriko e Donko gestiscono un sito di posta del cuore che si chiama Le sorelle Donguri (donguri significa ghianda in giapponese). Donko è tanto energica e indipendente quanto la sorella è solitaria e taciturna. Questo fino a quando Guriko riceve il messaggio di una donna che le scrive del dolore per la perdita del marito, parole che inducono Guriko a ripensare al suo primo amore, Mugi, incontrato ai tempi della scuola e poi sparito nel nulla. Segretamente cova da sempre il desiderio e la speranza di ritrovarlo, decide allora di interrompere la sua clausura e di andare a cercarlo. Attraverso la voce narrante di Guriko, Banana Yoshimoto affronta temi quali la perdita e il superamento del dolore, ponendo l’accento sul potere salvifico della condivisione e sulla capacità dei sogni di sciogliere tensioni e problemi.

“Le sorelle Donguri” di Banana Yoshimoto: recensione

Guriko e Donko scoprono subito che le persone che più si amano possono lasciarci. Crescendo e ritrovandosi decidono di usare le loro esperienze per aiutare gli altri.

La voce narrante è Guriko che per decide di uscire dal suo guscio e di iniziare a cercare il suo primo amore che altri non è che la sua voglia di indipendenza e di identità lontana per una volta da quella della sorella. È lei che cercando Mugi scoprirà di provare ancora tanti sentimenti che credeva ormai perduti, di essere un individuo che nella sua solitudine non è mai davvero solo.

Banana Yoshimoto con il suo stile manga e le sue brevi descrizioni arriva subito al cuore: mostrarci i sentimenti dei personaggi e le loro paure. In questo romanzo è forte la ricerca di sé, secondo me. Le due sorelle donando il loro aiuto a degli sconosciuti in realtà aiutano loro stesse a elaborare i lutti, le perdite e le tante mancanze che accompagnano la loro vita. L’autrice del Sol Levante non si smentisce e cattura i lettori con due sorelle dal legame forte, forse troppo, e il bisogno, umano, di non sentirsi soli col proprio dolore. Il centro di tutti i personaggi, quindi dell’intero romanzo, risiede proprio nella condivisione del dolore che crea unisce e aiuta a superare anche i momenti peggiori.

Narratrice di tuta la storia è, come vi ho già detto, Guriko: vediamo o conosciamo solo quello che lei decide di svelarci.

“Le sorelle Donguri” di Banana Yoshimoto: link e pubblico

Vi ricordo che per tutte le novità e le letture in corso vi basta seguirmi sui miei profili social Instagram, su Facebook, su Twitter e su YouTube.

Ricordatevi anche che nella home del blog potete iscrivervi alla newsletter!

Non mi resta che augurarvi una buona lettura

Social Media Manager e Copywriter. Credo nel potere della skincare, dei libri, dei carboidrati e della musica.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: