Hugh lofting, Il viaggio del dottor dolittle di Hugh Lofting, Mondadori, Mondadori Ragazzi, Il Dottor Dolittle, Romanzo per ragazzi, my po blog,

Il viaggio del Dottor Dolittle di Hugh Lofting

Il viaggio del Dottor Dolittle di Hugh Lofting nell’edizione di Mondadori è composto dai primi due romanzi della serie e contiene le illustrazioni originali dell’autore.

Ringrazio la casa editrice per il gentile omaggio!

Il viaggio del Dottor Dolittle di Hugh Lofting: l’autore

Hugh Lofting (Maidenhead 1886-Topanga 1947) ha dato vita alla serie del Dottor Dolittle nelle lettere che inviava dal fronte, durante la Prima Guerra Mondiale, a Elizabeth e Colin, i suoi bambini. Quando poi si è trasferito negli Stati Uniti, a partire dal 1920 ha iniziato a raccogliere le sue storie e i suoi disegni in diversi romanzi, diventati grandi classici della letteratura per ragazzi: I viaggi del Dottor Dolittle ha vinto la prestigiosa Newbery Medal nel 1923. Le avventure del Dottor Dolittle sono anche diventate fortunatissimi soggetti per il grande schermo: l’ultima delle versioni cinematografiche è Dolittle, interpretata da Robert Downey Jr. e diretta da Stephen Gaghan.

Il viaggio del Dottor Dolittle di Hugh Lofting: la trama

Nell’Inghilterra del 1800, a Puddleby-on-the-Marsh, vive John Dolittle, un veterinario a dir poco speciale, che gli animali non solo li cura, ma anche li capisce, perché sa parlare la loro lingua. Discute con i tori, traduce il coccodrillese, interroga (mettendo la testa sott’acqua, ovviamente) i molluschi marini sulle loro abitudini. Gip il cane, Pollynesia il pappagallo, Tac-Tac l’anatra e Cii-Cii la scimmia sono i suoi migliori amici, ma anche i compagni perfetti per i suoi viaggi strabilianti: un tipo come il Dottor Dolittle, infatti, non si accontenta certo di curare raffreddori agli animali di campagna. Là fuori c’è un mondo che lo aspetta, con le creature più strane – sapreste dire com’è fatto un Giabizri? – che non vedono l’ora di fare quattro chiacchiere e vivere con lui avventure straordinarie.

Il viaggio del Dottor Dolittle di Hugh Lofting: la recensione

Il viaggio del Dottor Dolittle è uno di quei libri che fa subito accendere in me la lampadina dei ricordi: letto da piccina ha fatto aprire una sorta di vaso di Pandora da grande. Non cambia però la sensazione di poter fare quello che voglio, dove voglio e con chi voglio per la mia felicità.

Ognuno di noi ha sempre sperato di poter chiudere gli occhi e partire. Hugh Lofting ricostruisce la sua vita durante la Prima Guerra Mondiale regalandoci quella sensazione di sospeso. Tutto è possibile, sempre. Ognuno può prendere quello che vuole e costruirsi il suo destino se ha il coraggio di farlo. Il protagonista di questa serie non si sente diverso, non si sente fuori luogo perchè insegue la sua felicità ed è il messaggio più bello che si possa far passare a dei giovani lettori.

Questo volume, che contiene i primi due romanzi della serie vanta anche le illustrazioni originali dell’autore dando così quell’idea di “Sono io a viaggiare, sono io a parlare con gli animali, sono io che posso fare tutto”. Un messaggio che ad oggi risulta ancora più forte: in una società che ci vorrebbe tutti omologati ecco che un romanzo scritto a fine dell’Ottocento è di un’attualità terrificante. Riuscire a essere ciò che si vuole, a uscire dagli schemi che ci vorrebbero tutti robot, senza sogni, senza sentimenti nobili. Un’opera che insegna il rispetto per tutti, soprattutto per gli animali spesso dimenticati e usati solo per tornaconti personali.

Questi sono i romanzi per creare una nuova generazione di sognatori, di coloro che salgono sui banchi e cambiano la prospettiva delle cose per rendere il mondo un posto migliore.

Link e pubblico

Vi ricordo che per tutte le novità e le letture in corso vi basta seguirmi sui miei profili social Instagram, su Facebook, su Twitter e su YouTube.

Ricordatevi anche che nella home del blog potete iscrivervi alla newsletter!

Non mi resta che augurarvi una buona lettura

Social Media Manager e Copywriter. Credo nel potere della skincare, dei libri, dei carboidrati e della musica.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: