Avevo 15 anni di Élie Buzyn, Frassinelli, Recensione Avevo 15 anni di Élie Buzyn, Olocausto, Seconda Guerra Mondiale, Campi di concentramento, Leggere per non dimenticare, Lettura, books, Mondadori,

Avevo 15 anni di Élie Buzyn

Avevo 15 anni è il memoire di Élie Buzyn edito da Frassinelli. Ho letto questa storia a gennaio ma ho avuto bisogno di lasciarla decantare nel profondo. Quando si parla di Olocausto e campi di concentramento c’è sempre bisogno di riflettere, di lasciare lì la Storia e poi fermarsi e trarre le conclusioni.

Avevo 15 anni: riflessione

Recensire un romanzo che parla di vita vissuta è, secondo me, sempre molto difficile. Chi sono io per giudicare? Chi sono io per dire: “Ah scritto molto bene, traspariva il suo dolore”.

Nessuno.

Me lo dico da sola.

Eppure di Avevo 15 anni di Élie Buzyn qualcosa da dire c’è: quanto l’uomo può fare del bene partendo dal male che gli è stato fatto. Io non credo che al posto di Élie Buzyn avrei avuto la forza di ricostruirmi immolando la mia vita a migliorare quella degli altri. Non credo nemmeno che avrei mai più voluto parlare di quello che è successo. È la storia di coraggio, di sopravvivenza e di perdono.

In questo mémoire, molto breve, trovate tutta l’umanità che non va dimenticata. Troverete la Storia che vorremmo dimenticare e invece per evitare che l’uomo ricommetta le stesse atrocità dobbiamo urlare ancora più forte. Troverete l’umanità di chi riparte nonostante gli sia stato portato via tutto.

Sono i testimoni come Élie Buzyn che mi ricordano che l’umanità sa anche essere buona.

Avevo 15 anni: la trama

Agosto 1944. Dopo un’infanzia felice in Polonia, Élie Buzyn, a 15 anni, conosce sulla sua pelle quanto l’uomo possa essere crudele: viene deportato, i suoi famigliari vengono assassinati, viene trasferito ad Auschwitz e poi la marcia della morte fino a Buchenwald.

11 aprile 1945. Il campo viene liberato: e ora? Come può tornare alla vita? Èlie ricostruisce altrove ciò che è stato distrutto. Da Buchenwald alla Palestina, all’Algeria e infine alla Francia, il ragazzo compie il suo viaggio di ritorno dalla morte alla vita. Élie studia, si laurea in medicina, ricomincia a vivere un’esistenza piena e ricca, dedicata soprattutto a coloro che i nazisti avevano perseguitato. Dopo tanti anni, tante esistenze salvate come medico, un giorno Buzyn capisce che è arrivato il tempo di testimoniare. «Dimenticare il passato significa incoraggiare la sua ripetizione in futuro».

Link

Vi ricordo che per tutte le novità e le letture in corso vi basta seguirmi sui miei profili social Instagram, su Facebook, su Twitter e su Twitch.

Ricordatevi anche che nella home del blog potete iscrivervi alla newsletter!

Non mi resta che augurarvi una buona lettura

Social Media Manager e Copywriter. Credo nel potere della skincare, dei libri, dei carboidrati e della musica.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: